Intake kit Minimoto 40

 

Viste le restrizioni regolamentari nelle categorie Junior A/B che impongono l’utilizzo di un carburatore con un diametro massimo di 15 mm, l’area che maggiormente influenza le prestazioni del motore diviene l’alimentazione. Infatti il motore necessiterebbe di un carburatore di diametro superiore, e questa limitazione rappresenta un ostacolo sostanziale alle prestazioni, pertanto ogni intervento migliorativo che si riesce ad effettuare sugli altri elementi del gruppo di alimentazione è fondamentale per sopperire a questo vincolo, massimizzando quindi le prestazioni.

MotoMeccanica ha pertanto deciso di concentrarsi sull’altro elemento fondamentale del gruppo alimentazione ovvero sia il pacco lamellare.

Il pacco lamellare ha due aree che principalmente influenzano la prestazione:

  • perdite fluidodinamiche attraverso il pacco lamellare;
  • funzionamento ottimale delle lamelle in funzione della richiesta del motore.

Sviluppo componenti

INSERTO PACCO LAMELLARE

Per ciò che concerne la riduzione delle perdite fluidodinamiche attraverso il pacco lamellare, l’inserto è certamente l’elemento chiave, infatti deve consentire al flusso di passare dal collettore alle finestre del pacco con la maggiore regolarità possibile, in tal modo le perdite di pressione saranno ridotte consentendo una maggiore apertura delle lamelle e conseguentemente un incremento della portata.

MotoMeccanica ha in primo luogo studiato la geometria del nuovo inserto attraverso uno specifico software di calcolo fluidodinamico che definisce le caratteristiche geometriche principali che deve avere l’inserto per ridurre le perdite.

Ed in secondo  ha affinato questa geometria attraverso il banco di flussaggio.

I risultati rispetto alla configurazione stock solamente con la sostituzione dell’inserto guida flusso a parità di lamelle sono considerevoli ,infatti si ha un incremento medio della portata del 6%, ma soprattutto questo incremento cresce più aumenta la differenza di pressione, che nelle condizioni di massima richiesta da parte del motore, raggiunge addirittura + 10%!

Dal grafico del coefficiente d’efflusso fluidodinamico (CDF Isentropico) è evidente l’ottimo lavoro svolto  dal  nuovo inserto, infatti in tutte le condizioni le perdite sono state ridotte e l’efficienza fluidodinamica è aumentata in maniera sostanziale.

LAMELLE

L’altro aspetto fondamentale per sfruttare pienamente il pacco lamellare è il corretto lavoro delle lamelle in funzione alle caratteristiche del motore.

Per migliorare è importante conoscere la situazione di partenza, pertanto MotoMeccanica grazie ai suoi strumenti e software ha analizzato in primo luogo le caratteristiche delle lamelle montate sul pacco.

Sono state quindi misurate l’elasticità (Modulo di Young) e la densità, queste grandezze sono fondamentali per capire come si comporta la lamella al variare delle condizioni di pressione e del regime motore.

A questo punto MotoMeccanica ha studiato delle lamelle che migliorassero il funzionamento su tutto l’arco di utilizzo.

 

Per poter individuare delle lamelle migliorative, in primo luogo è fondamentale disporre di molti materiali con caratteristiche differenti, infatti ogni motore ed ogni ottimizzazione di funzionamento richiede l’utilizzo di materiali con caratteristiche specifiche che si accordino perfettamente con le richieste del motore.

MotoMeccanica nel corso degli anni oltre a valutare le caratteristiche dei materiali disponibili sul mercato, ha sviluppato materiali specifici per coprire al meglio tutte le esigenze tecniche ed offrire quindi sempre il meglio per ogni esigenza.

Grazie ai materiali disponibili si sono potute quindi studiare lamelle con caratteristiche particolari che permettessero di estendere su un range di funzionamento più ampio possibile il miglioramento delle prestazioni.

Si è infatti individuata una soluzione studiata che sostituisse la lamella singola, con una lamella e balestrino con interposto un apposito distanziale, ciò ha permesso di creare una rigidezza variabile della lamella che si adatti più facilmente alle diverse richieste del motore ad ogni regime di funzionamento.

Oltre al miglioramento ottenuto con le nuove lamelle ed inserto, Motomeccanica grazie ad appositi software a individuato un ulteriore incremento del rendimento di aspirazione modificando  la lunghezza del collettore di aspirazione tramite un distanziatore , creando il condotto interno da inserire nel collettore di aspirazione stock.

Ciò si traduce in un miglioramento del rendimento di aspirazione del motore praticamente su tutto il range di funzionamento.

 

E soprattutto in una riduzione dei riflussi di carica fresca dal pacco lamellare, ciò è fondamentale in tutte le fasi transitorie, quando si usa repentinamente l’acceleratore, infatti in questo caso il motore risulterà più pronto in quanto  le lamelle risultano più reattive .

Globalmente quindi in questo kit di alimentazione si è ottimizzato al massimo ogni aspetto del pacco lamellare, ottenendo incrementi significativi  ed offrendo un prodotto che può risultare determinante per massimizzare le prestazioni del motore anche utilizzando un carburatore da 15 mm.